Indietro

Valori rientrati, riaprono le terme

Secondo le analisi effettuate alle terme di Petriolo non ci sarebbero problemi di inquinamento ma un'innalzamento della presenza del ferro nell'acqua

MONTICIANO — Le Terme di Petriolo riaprono al pubblico. A darne notizia "Le Terme di Petriolo attraverso una nota stampa, sottolineando che "dopo la chiusura precauzionale per via della colorazione scura dell’acqua e le analisi effettuate, la relazione finale ha certificato che i valori chimici del ferro, la cui ossidazione è la causa della colorazione scura dell’acqua, sono rientrati nella normalità e di conseguenza lo stabilimento termale può riprendere la sua attività, riaprendo da domani mattina, martedì 13 marzo".

"Le attività di controllo - prosegue la nota - e le ispezioni volute dallo stabilimento senese hanno dimostrato che la colorazione scura dell’acqua termale era riconducibile esclusivamente all’anomala aumento della presenza di ferro". 

Da qui sono scattate le verifiche che si sono concentrate sia nel prelievo dei campioni in diversi punti dell’impianto. "Controlli che hanno dimostrato che il ferro presente nell’acqua termale non aveva, né ha origine naturali nella sorgente e che eventuali cause potrebbero essere dovute al fenomeno della ‘fulminazione’ che ha interessato la zona di Petriolo già nel pomeriggio di mercoledì 7 marzo, innescando la corrosione di una parte in ferro del pozzo". 

L’azione di indagine è proseguita con ulteriori ispezioni all’interno del pozzo, "dimostrando - si legge nella nota dell Terme - come nessuna delle 4 tubazioni sia responsabile della presenza del ferro, che nel frattempo, come dimostrato dai successivi prelievi di campioni d’acqua, è andata riducendosi venerdì 9 marzo del 50 per cento rispetto alla concentrazione riscontrata nel primo prelievo datato giovedì 8 marzo".

Nel frattempo è proseguita l’attività di spurgo del pozzo che è tornata alla normalità. Le ultime analisi batteriologiche e chimiche, infine, hanno dimostrato che il fenomeno è rientrato completamente.

Le attività di controllo e le ispezioni volute dallo stabilimento senese proseguiranno anche nei prossimi giorni con un’attenta azione di monitoraggio della qualità dell’acqua mediante il controllo visivo e con un piano di interventi di manutenzione del pozzo che si concentrerà nel periodo della chiusura estiva delle Terme. 


Richiedi sito desktop

Editore Toscana Media Channel srl - Via Masaccio, 161 - 50132 FIRENZE - tel 055.285829 - info@toscanamediachannel.it. QUI quotidiano on line registrato presso il Tribunale di Firenze al n. 5935 del 27.09.2013. Direttore responsabile Marco Migli. Vicedirettore Elisabetta Matini. Iscrizione ROC 22105 - C.F. e P.Iva 06207870483

Powered by Aperion.it